Archivi categoria: Società

Complottisti della domenica


A volte mi chiedo se le persone ascoltano cosa dicono…

Ieri alla radio, la trasmissione la Zanzara su Radio 24, sento un’ascoltatore che sosteneva che la febbre dei suini ci sia sempre stata e che questo sia un complotto per abbattere qualcuno o per favorire qualcun’altro, tipo le case farmaceutiche.

Come argomenti riportava che dalla Sardegna non si potevano esportare i suini, che l’Italia ha già pronte 40 milioni di dosi di antivirale e che sicuramente in Messico saranno morte altre persone nel passato, per questa influenza, ma che non abbia fatto notizia. Peccato che abbia confuso l’influenza suina con la peste suina (Peste Suina e qui, Peste Suina Africana) la prima ha come codice H1N1 mentre la seconda BVDV. Certo i titoli dei notiziari non aiutano a far chiarezza (RaiNews24 – Messico, 20 morti per peste suina. Oms: riunione d’emergenza). Poco prima un altro ascoltatore sosteneva che il virus era stato creato ad hoc.

Fortuna che il conduttore, Cruciani, ha bollato le tesi come ridicole.

Comunque ce li vedo gli integralisti islamici che si mettono d’accordo con le lobby farmaceutiche per bandire l’animale impuro dal mondo occidentale.

Annunci

Conferenza sul razzismo


Si apre oggi a Ginevra la conferenza sul razzismo, nota anche come Durban 2. Molti paesi, tra i quali Italia, USA, Canada, Israele, Germania ed Olanda, hanno deciso di non parteciparvi considerando la bozza del docuemento finale razzista, per via dei suoi aspetti antisemiti e della influenza degli integralisti religiosi.

Effettivamente la prima conferenza, tenutasi a Durban nel 2001, aveva prodotto un documento finale molto controverso, tant’è che molte organizzazione non governative ,  Amnesty International ad esempio, si sono poi dissociate dal testo finale (vedi Wikipedia: The Durban Declaration and Programme of Action ).

Speriamo che questa volta la situazione cambi in meglio…

Viral Marketing


Lo scorso post faceva parte di una campagna di marketing virale organizzata dalla società per cui lavoro. La campagna prevedeva che dovessimo condividere il filmato con più persone possibili, tramite blog, Facebook o email.

All’inizio ero scettico, chissà quanto avrebbe potuto incidere il mio passaparola in tutto questo. Sono rimasto colpito dagli numero di accessi al blog, più di tre volte il numero di accessi giornalieri medi, e dal fatto che un mio amico, su Facebook, abbia “rilanciato” il video dopo che l’avevo pubblicato.

Per chi non l’avesse ancora capito, il robot è stato realizzato tramite computer grafica.

Vita artificiale


Mi sono imbattuto  per caso in questo video.

Non so se sia vero o meno, ma la naturalezza del “robot” un po’ mi attrae e un po’ mi spaventa.

Da appassionato di fantascienza non posso che rivederci i robot dai cervelli positronici di Asimov, i replicanti di Blade Runner . Temo però che la cosa scappi di mano, che l’uomo si creda alla stregua di Dio quando non lo è.

Non dico una casa alla Terminator, ma alla Delos magari si… Ma forse sto solo immaginando, in fin dei conti Data in Next Generation è una figura positiva.

Le informazioni del progetto le trovate in www.bitbeat.it. Fatemi sapere cosa ne pensate.

Centopassi


Ieri sera ho stappato una bottiglia di vino molto speciale.

Il Placido Rizzotto Bianco della cantina Centopassi. Un vino coltivato sui terreni confiscati alla mafia. Sulla bottiglia c’è anche il logo dell’associazione Libera visto che il vino è contraddistinto dal marchio Libera terra.

L’ho comprato alla bancarella del Commercio Equo e Solidale organizzata dal gruppo missionario della mia Parrocchia.

Un buon bicchiere di vino, anzi ottimo, che fa anche del bene.

Classi ponte


In questi giorni si fa un gran parlare della mozione leghista che intende istituire dei percorsi di introduzione, tramite classi ponte, per gli studenti stranieri nelle scuole pubbliche.

Va da se che, essendo solo una mozione, la proposta può non diventare realtà o prendere tutt’altra strada, ma a me l’idea non dispiace.

E’ una cosa che già in altri paesi, Francia, Olanda, Germania, Catalogna, è realtà per qualsiasi straniero, europei inclusi, che non conosce la lingua.

Credo che nelle scuole, dalle elementari alle superiori, sia necessario garantire il miglior insegnamento possibile ai ragazzi. Non mi sembra che sia uno scandalo dire che, se in una classe ci sono ragazzi che non conoscono la lingua, tutta la classe ne ha uno svantaggio. Ne ha sicuramente uno svantaggio il ragazzo, che perde per strada tutto ciò che gli viene insegnato in una lingua che non conosce, rischia di essere valutato in modo scorretto solo perchè non comprende le domande. Credo che il frequentare una classe ponte sia meglio che essere bocciato per uno o più anni.

Se poi il bambino inizia ad essere inserito in una scuola materna credo che il problema non si ponga. Se invece l’inserimento è fatto alle medie o, addirittura, alle superiori sono convinto che le classi ponte siano l’unica soluzione.

Mi sembrano non onesti tutti quelli che evocano razzismo e segregazione, o chi assimila un ragazzo straniero ad un portatore di handicap. Il primo ha la fortuna di poter imparare la lingua, mentre il secondo ha un limite che non può superare, è quindi corretto che la scuola gli affianchi un docente di supporto. Francamente non capisco le critiche da parte di Famiglia Cristiana.